.
Annunci online

eugualemcalquadrato


Diario


23 novembre 2017

Menzogne sociali

Necrologi





               Nonno Luigi, un grande uomo, soleva indicare in molti comportamenti dell'animale Uomo, le "menzogne sociali" e così' definiva le esteriorità messe in atto per mostrare se stessi e non per vera partecipazione.

                 Muore una persona che, in vita, era qualcuno, occupava posizioni di preminenza nella Società, ed ecco pagine intere di giornali occupate dai necrologi; esteriorità che il defunto non può leggere e che servono solo a mostrare coloro che li commissionano. I "coccodrilli, poi, si sprecano e giù fiumi d'inchiostro e tastiere roventi a magnificare le lodi, spesso oltre i meriti effettivi dei soggetti incensati. 

                      L'Avvocato (Titta Madìa) - tanto per specificare di cosa scrivo -, zio di un Ministro oggi in carica, decede ed ecco Il Messaggero invaso da una pagina di "menzogne sociali", da coloro che si siedono ai primi posti, dimentichi che la morte è ... una livella.

                       Mi piacerebbe, per par condicio, leggere qualcosa in merito ai decessi dei tanti "Esposito Gennaro" che vanno via senza tanto clamore, dopo aver condotto una vita dignitosa, non meno di tanti roboanti personaggi, baciati dalla buona sorte quando vivi ed incensati anche da deceduti.

                         A tale proposito dichiaro che, dal volume di poesie del grande Totò, rileggo ogni tanto i suoi versi e mi soffermo, specialmente in questo mese dedicato a chi non c'è più, su quella che dipinge una cruda/vera realtà:

"
Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

'A livella

Risultato immagine per livella




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 23/11/2017 alle 4:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


20 novembre 2017

Maledetti!

La Terra dei Fuochi




                  Ieri sera ho sciorinato tutto il mio scibile "letterario" con le parolacce e le invettive che fanno parte del mio vocabolario (credetemi sulla parola, consistente, forbito quanto non mai!), indirizzate tutte versus coloro che sono i responsabili dei danni ambientali, delle tragedie umane che insistono sulla Terra dei Fuochi.

                  Era un crescendo rossiniano, anche ad alta voce. Dichiaro di non aver resistito a lungo a seguire lo schermo quando le mamme raccontavano la vita e la morte dei loro pargoli in quelle zone.

                  Maledetti tutti coloro i quali hanno provocato quanto denunciato nella trasmissione di RaiTre e di tutti gli altri che nulla hanno fatto e fanno per scongiurare altre morti, altre tragedie.

                  Con quale coraggio si vestono da Industriali, da Politici ed uccidono le persone, anche con il lassismo che caratterizza coloro i quali sono più attenti alle loro poltrone che non ai loro doveri.

                    Conosco i corridoi dell'Oncologia e spero di vedervi allettati Lor Signori; senza alcuna pietà e/o sconti. Per lunghe degenze, con finale tragico.

                   Non ci credo esista, ma andranno all'Inferno!

"

Tornano su Rai3 'I Dieci Comandamenti', le "storie minime" di Iannacone

Tornano su Rai3 'I Dieci Comandamenti', le storie minime di Iannacone

"Mi piacciono le storie minime, quelle che arrivano dal basso, mi piace raccontare chi ci passa accanto e farlo da testimone e non da giornalista, parola che non amo". Domenico Iannacone torna con la sesta edizione de 'I Dieci Comandamenti', sei puntate in onda da domenica prossima su Rai3 alle 20,30, la 'complessa' prima serata della domenica che vede 'Che Tempo Che Fa' di Fabio Fazio su Rai1, la fiction 'Rosy Abate' su Canale 5 e 'Non è l'Arena' di Giletti su La7.

'I Dieci Comandamenti' però "ha un pubblico molto attento - spiega Stefano Coletta, direttore di Rai3 - con una platea di trentenni e quarantenni che lo segue con molto interesse. Iannacone ha una grande sobrietà nel raccontare storie di sofferenza e denuncia, capace di restituire una forte commozione. Perché sono convinto - sottolinea - che anche una rete come Rai3 debba sapere emozionare la platea che la segue". E in realtà il programma di Iannacone, "fin dalla sua nascita nel 2013, ha fatto incetta di premi" ricorda Coletta: dal Premio Ilaria Alpi al riconoscimento come Miglior Reportage europeo del Civis Mediaprize di Berlino.

Nel 2013 Iannacone ha vinto il 'Premio Coop Ambiente' con un reportage dal titolo 'La terra dei fuochi', tema su cui torna proprio nella prima puntata della nuova edizione, dal titolo 'Il danno'. Un'altra Italia sfregiata da discariche e rifiuti tossici che vengono tuttora incendiati per smaltirli. "Esiste a volte una 'ripetizione mediatica'. Ci sono cose che restano sullo schermo televisivo per un po' di tempo e poi spariscono - spiega Iannacone - Per questo siamo tornati in quei luoghi, per capire cosa è successo nel frattempo. Queste sono cose che in Europa fa solo una televisione, la Bbc. Ma anche la terza rete pubblica italiana, per la quale io lavoro, credo abbia questa caratteristica". ...

"



  • Risultato immagine per la terra dei fuochi iannaccone

                     

                  




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 20/11/2017 alle 8:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa


18 novembre 2017

Pedalare nella Storia

Giro d'Italia 2018




                           Ho firmato la petizione poiché occorre saper pedalare - anche - nella Storia, dopo averla letta ed assimilata; non scritta - comunque - con la penna dei vincitori.

da Il Fatto Quotidiano del 12 c.m.:


Giro d’Italia, perché per me non


deve partire da Israele 


di Gianluca Ferrara| 12 novembre 2017


Saggista e direttore editoriale di Dissensi Edizioni

Per la prima volta nella storia, il Giro d’Italia partirà fuori dai confini europei. Infatti, il prossimo 4 maggio la gara ciclistica prenderà il via da Israele. Il motivo del mio dissenso a tale scellerata scelta non scaturisce da ragioni nazionaliste, per quanto mi riguarda il Giro d’Italia potrebbe partire anche da Tegucigalpa o Antananarivo, il problema è la scelta di Israele.

Purtroppo,la stampa internazionale cela ai più l’occupazione illegittima e violenta di Israele contro il popolo palestinese,reo di trovarsi in un territorio che i sionisti, già alla fine del1'800, hanno deciso si occupare. Il Giro d’Italia partirà 10 giorni prima di una data che in Occidente è ignota ai più, ma che i palestinesi ben conoscono.Il 15 maggio in Palestina si commemora il giorno della Nakba (catastrofein arabo): dopo la guerra arabo-israeliano (1948-1949), decine di villaggi e città palestinesi vennero distrutti e più di 700 mila palestinesi dovettero lasciare le proprie case e diventare profughi.

Come ho avuto già modo di ricordare,a partire da quella data Israele iniziò il percorso di colonizzazione di terre non sue e di crescente allontanamento degli autoctoni. Unità paramilitari speciali come l’Haganà, il Palmache l’Irgun occuparono con la violenza i villaggi palestinesi e deportarono gli abitanti che furono costretti a lasciare la loro terra mentre vedevano le ruspe distruggere le proprie case.

Nel 1967, Israele, con la Guerra dei Sei giorni si impossessò delle Alture del Golan, la Striscia di Gaza,la penisola del Sinai e Gerusalemme est. Nel 2008, con l’operazione nominata Piombo fuso,fu persino usato il fosforo bianco. Nel luglio 2014, con Margine protettivo,  Gaza fu colpita dai caccia israeliani; un intero popolo senza via di fuga (Gaza è una prigione a cielo aperto cui non è permesso né accedere, né uscire) fu sottoposto ai raid di uno degli eserciti più potenti spalleggiato e protetto anche dagli Usa. Centinaia furono i bambini uccisi.

Il popolo palestinese, nell’indifferenza internazionale, subisce un’occupazione che trasgredisce il diritto internazionale:sono decine le risoluzioni Onu che Israele sistematicamente viola. Dalla classe politica italiana temo non ci sia nulla da aspettarsi, altrimenti lo Stato della Palestina sarebbe già stato riconosciuto come tale e non venderemmo armi ad un altro regime, quello dell’Arabia Saudita (anch’esso storico alleato degli Usa), che le usa per sottometterei civili dello Yemen.

Se oggi non avessimo un notaio come Sergio Mattarella ma un presidente della Repubblica come Sandro Pertini, forse sarebbe stata sottolineata tale inopportunità. I palestinesi, inutilmente, hanno chiesto agli organizzatori del Giro di spostare la partenza da Gerusalemme, ma siamo ancora in tempo. L’invito è rivolto agli sportivi e ai cittadini in generale: facciamo sentire il nostro dissenso (qui la petizione), diamo un segnale forte; non si può riconoscere al governo israeliano un tale riconoscimento da parte dell’Italia. Per una volta,facciamo prevalere la voce di coloro che hanno il coraggio e la dignità di schierarsi con chi è schiacciato e non con chi schiaccia.

Secglitu!





permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 18/11/2017 alle 5:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


16 novembre 2017

Che rottura!

Palle e palloni



                                          Non si parla/scrive di altro, o quasi. Che il debito nazionale aumenti non importa ad alcuno; sarà il prossimo Governo a pensare ad un'altra stangatina, continuare a non dire la verità ai propri sudditi (noi) e ... gaudeamus igitur!

                                Tranquillo popolo italiota, che ti agiti solo per il pallone e le débacle della nazionale, vedrai che ci sarà il ripescaggio - ci scommetto sopra -, l'Italia andrà ai Mondiali di Calcio in Russia, il M5S sarà il più votato alle prossime politiche, ma la Destra e quel che resterà del PD si alleeranno - quando c'è da spartire torte ... - e ... tutto come sempre o quasi.

                                           Tutto questo "palleggio" era/è per lamentare i mancati introiti che, peraltro, sarebbero andati a favore dei soliti noti e non certo dei cittadini/spettatori, allora si abbia il coraggio di gridare "povera lana" e non povera pecora"; Trilussa docet!

                                          Il viaggio in treno del fiorentino, per raccogliere consensi a Sinistra, ma anche a Destra, è poco più che una burla, come si addice alla Patria di Pulcinella. 

                                          Il Paese delle "banane"! 






l’Italia fuori dai mondiali




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 16/11/2017 alle 7:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


14 novembre 2017

Titolo offensivo

Razzismo giornalistico



                  Questa volta è la giornalista del Nord, Dietlinde Gruber, detta Lilli, a macchiarsi di razzismo a mezzo stampa/televisione, con il titolo che mi ha fatto trasalire; esposto durante la trasmissione del 10 c.m., venerdì sera.

                Sabato mattina, 11 c.m., ho subito affidato alla pagina elettronica de "La Riviera" (on line), che ha pubblicato la mia nota, il mio sdegno.

            Come si permette, la bolzanina (leggiamo qualcosa di lei da Internet: ... Dal 2012 (ad eccezione del 2014) partecipa annualmente alle riunioni del Gruppo Bilderberg in qualità di Editor-in-Chief and Anchor “Otto e mezzo”, La7 TVParla fluentemente la lingua italiana, il tedesco, l'inglese e il francese. In un articolo di Aldo Grasso su Corriere.it la Gruber viene accusata di non fare mai domande scomode e di essere di parte. Nel corso della campagna del referendum costituzionale 2016, durante una puntata con il ministro Maria Elena Boschi e il costituzionalista Valerio Onida, la Boschi avrebbe fatto un cenno alla conduttrice per fermare l'intervento della controparte ...) di offendere tutta una Terra ed i suoi abitanti con il titolo: "Mafia: Ostia come la Calabria?" ?

                                     

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Otto e mezzo: Titolo offensivo

Sab, 11/11/2017 - 16:20

Ho assistito, in data 10 c.m., venerdì, alla trasmissione di prima serata, Otto e Mezzo, su La7, con la conduttrice - more solito - appollaiata, in pizzo, sulla sedia, quasi fosse un trespolo a dare libero sfogo alla sua "lingua"; quella italiana non la prima. Il titolo mi ha fatto trasalire e un moto di stizza,"rabbia" mi ha innervosito non poco: "Ostia come la Calabria?". Unica nota positiva la presenza del Procuratore Gratteri che ha, ancora una volta, chiarito il danno che produce alla gente onesta la mancanza di volontà politica ad affrontare, a 360°, il tema della Giustizia in Italia. Si levi una nota di indignazione e sdegno, da parte di tutta la Calabria onesta, e ve ne è tanta, anche fuori del territorio de quo, versus questi accostamenti che hanno il sapore del razzismo di Terra/Comunità. Il giornalismo, l'informazione, hanno il diritto/dovere di informare e formare le persone; ma non di offendere intere Comunità!

Luigi Misuraca

Rubrica: 
Tags: 
--------------------------------------------------------------------




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 14/11/2017 alle 4:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


11 novembre 2017

Ventinove ottobre 2017

Tramonto sul Lago





                        Dedicato alla donna, compagna di - e da una - vita, che si prende cura di me da oltre mezzo secolo; una "santa"!

                     Una sera di ottobre appena trascorso, la Terra nel suo movimento andava a oscurare il Sole e creava un cromatismo quale quelli che solo la Natura e pochi "pennelli" di valore sanno creare. Ho scattato le foto dal nostro affaccio di casa sul Lago.

                         " ... "Era già l’ora che volge il desio 
                                ai navicanti e ’ntenerisce il core
                            ... ".

 







permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 11/11/2017 alle 5:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


8 novembre 2017

Unicuique suum

Poste o Finanza?




                          E' da tempo che mi trovo ad obiettare, ma non da bastian contrario senza motivazioni, sul particolare della improvvida trasformazione, già stantìa, delle Poste Italiane in - anche - Uffici di Finanza.

                           Quando ho problemi alle gomme dell'auto mi reco da un gommista che reputo valido e mi affido ai suoi servigi. Non vado certo dal fornaio il quale saprà fare di certo il pane, sostituire - forse - una gomma forata, ma ... non oltre se non con specifica competenza magari pregressa e con gli adeguati attrezzi del mestiere de quo.

                            E' vero, sono stato bancario, ho atteso - anche - a compiti di Finanza nell'Area Titoli, Tesoreria e Banche, sono stato Operatore di Tesoreria Centrale, ecc..., ma ciò non  inficia il mio dire che non può essere accusato di "campanilismo". Anzi, parlo/scrivo con cognizione di causa!

                             Ad ognuno il suo compito/mestiere e le Poste attendano a ruoli specifici senza praticare attività pericolosissima, già di per se stessa, senza che siano previste le precauzioni del caso a favore dei risparmiatori peraltro in balìa di "pescecani" nelle Banche e sui Mercati Finanziari se, dalla parte della canna da pesca, si trovano "pescatori" sprovveduti e/o in mala fede, anche per incarico d'Ufficio.

                                 Oggi, con viva e vibrante soddisfazione, leggo le novità che attendono l'arrivo dell'anno 2018; sempre che non si trovino scappatoie in ... questo Mondo di ladri!

 da Il Messaggero":
"

Poste Italiane, le nuove regole Ue mettono in crisi la vendita di prodotti finanziari allo sportello

di | 7 novembre 2017
Poste Italiane, le nuove regole Ue mettono in crisi la vendita di prodotti finanziari allo sportello
Lobby

Da gennaio 2018 ci vorranno specifiche competenze, con tanto di iscrizione ad un nuovo albo, per vendere ai clienti azioni, obbligazioni, derivati e quote di fondi d’investimento. Per Poste è un vero e proprio scoglio dal momento che solo circa 800 dipendenti (11%) dei 7mila dedicati alla consulenza finanziaria (su un totale di oltre 141mila lavoratori) sono laureati in materie economico-finanziarie. E intanto il piano industriale si fa attendere

Che cosa farà Poste italiane? Se lo chiede la Commissione trasporti e telecomunicazioni della Camera dei deputati che da tempo ha proposto un incontro sul tema all’amministratore delegato Matteo Del Fante. Se lo domanda anche il mercato che attende un nuovo piano industriale da fine aprile. E cioè da quando il manager ha preso le redini del gruppo su indicazione del Tesoro che intanto, per il lavoro svolto nella controllata pubblica Terna, ha concesso a Del Fante una buonuscita da 3,8 milioni lordi. Cinque mesi dalla nomina del manager non sono comunque passati invano visto che il nuovo ad di Poste ha rinnovato in primavera le prime linee dirigenziali del gruppo e ha studiato il da farsi senza tuttavia riuscire a cavare ancora un ragno dal buco: come spiegato al Corriere lo scorso 3 ottobre, il nuovo piano di Poste vedrà infatti la luce solo “nei primi mesi del 2018”. ...

"

Risultato immagine per pescatore



                             

           

P.S.:
Per inciso, non bastano i "pezzi di carta" in Materie Economiche-Finanziarie; ci vogliono esperienza e capacità, anni di "cambio gomme", oltre che onestà e chiarezza da parte degli addetti alla funzione de qua.                 




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 8/11/2017 alle 6:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa


3 novembre 2017

Peccato originale

Frutto proibito





                     Denuncio, in nome e per conto del progenitore del mio "genere", Adamo,  con leggero ritardo, la (prima) molestia sessuale subìta in illo tempore allorché Eva gli ha porto il frutto proibito, irretendolo e costringendolo al peccato originale.

                        Quello che è accaduto dopo è fatto noto ed è ciò che succede tutti i giorni - da che Mondo è Mondo -; non è altro che la ricerca di pareggiare i conti, da parte dei maschietti, con la nostra progenitrice dell'altro "genere".

                      Mi sono veramente stufato di leggere di attricette o aspiranti tali - ovvero gente dello spettacolo e dintorni - le quali accettano il prezzo del successo, versato in anticipo, e senza minacce, anche se, magari, l'iniziativa è maschile; e maschilista.

                          Confesso, anche qui con certo ritardo, di aver molestato, a suo tempo, la donna che si aspettava le mie avances e non potevo di certo deludere. Meno male che ho insistito, dopo le prime reticenze di colei che mi ha poi punito portandomi davanti all'Ufficiale dello Stato Civile.

                       Altro discorso sono le molestie insistite e le violenze sessuali per le quali non vedo/auspico sconti sulle pene (gioco di parole!) da infliggere ai colpevoli, di ogni genere verso ogni specificità, orientamento sessuale, età, della/nella razza umana.

                         In ordine di tempo,  l'ultima trovata pubblicitaria vede colpevole (sic!)  Dustin Hoffman, reo, se non ho letto male il capo d'accusa, di aver  messo in atto avances che non mi sono sembrate sgarbate/violente; del resto, come recita una mia conoscente: "A bocca chiusa, mosca non entra!":

(da Il Messaggero)

"
Nuova accusa di molestie per Dustin Hoffman. Come accaduto per Harvey Weinstein, James Toback, Kevin Spacey, anche per l'attore 80enne un'altra donna punta il dito contro di lui dopo Anna Graham Hunter. Si tratta di Wendy Riss Gatsiounis, sceneggiatrice e produttrice tv, che ha denunciato fatti accaduti a New York nel 1991, si legge su 'Variety'. Hoffman l'avrebbe molestata durante gli incontri per il possibile adattamento cinematografico della sua commedia teatrale 'A darker purpose'.

Al primo incontro era presente anche lo sceneggiatore di 'Tootsiè, Murray Schisgal che le chiese se avesse un compagno. Poi, durante il secondo incontro, Hoffman allora 50enne domandò alla 20enne Riss Gatsiounis se avesse mai avuto un incontro intimo con un uomo di oltre 40 anni: «Non lo dimenticherò mai. Fece un passo indietro, aprì le braccia e aggiunse: 'Sarebbe un nuovo e intero corpo da esplorarè». Lei tentò di parlare della sua commedia, afferma ancora la Gatsiounis, ma Hoffman le avrebbe chiesto di andare a fare shopping con lui in un vicino hotel con Schisgal che l'avrebbe esortata ad accettare. «Ero completamente sconvolta», ha sottolineato la donna che decise di declinare con un secco no.

A quel punto Hoffman avrebbe desistito e Schisgal le avrebbe detto: «Guarda, non siamo veramente interessati al tuo lavoro». Nessun commento è arrivato dall'attore, mentre Schisgal ha detto a 'Variety': «Io e Dustin Hoffman avevamo così tanti incontri con scrittori e sceneggiatori. Non ho alcun ricordo di questo in particolare o di altri a seguire né delle cose descritte». 'A Darker Purposè è comunque arrivato sul grande schermo nel 1996 con il titolo 'The Winner'.
"

Risultato immagine per eva e la mela

P.S.:
Raccolgo oggi, 4/11, il dire di due donne che mostrano equilibrio ed intelligenza; almeno in questa occasione:
"
Alba Parietti sul caso Harvey Weinstein e sulle accuse di molestie ad alcuni attori di Hollywood tra cui Dustin Hoffman ha le idee chiare: "Una violenza è una tragedia: quelle donne sono le vere vittime da tutelare. Paragonare una palpata a uno stupro è un errore. La situazione che si è creata sembra un vendicatoio, una caccia alle streghe al contrario", ha affermato in unìintervista a ilGiorno.

Poi la Parietti parla delle denunce e fa una riflessione controcorrente: "Questa battaglia al grido vendichiamoci di 2mila anni di soprusi non ci renderà più libere. Facciamo un gossip da bar sport, sta venendo fuori un pasticcio che non porterà a nulla di costruttivo. Serve buon senso. Se domani un uomo non può permettersi di fare battute a una donna per timore di venire denunciato, è assurdo". Poi pone la questione sul dietro le quinte, ovvero su quel mondo nascosto che di fatto ha coperto, pur sapendo, i molestatori delle attrici: "Hanno sospeso House of cards per le accuse a Kevin Spacey, ma forse c' è dell'altro. Forse tutta la produzione sapeva e, nel caso, andrebbero denunciati loro. Nello spettacolo molto del marcio non emerge grazie all'omertà che protegge i mostri. Fin quando fa comodo".
"

ed ancora
"
Le molestie sulle donne nel mondo del cinema? «Ci sono sempre state e ai miei tempi, negli anni ‘60 e ‘70, era anche peggio di oggi». A dirlo è Sandra Milo, attrice e musa di Federico Fellini, sulla cui vita Giorgia Wurth ha realizzato un documentario, «Salvatrice» (il vero nome dell’attrice è Salvatrice Elena Greco, nata a Tunisi nel 1933), che sarà proiettato sabato alle 21.30 al Maxxi nella sezione «Riflessi» alla Festa del Cinema di Roma.

«Come in ogni lavoro»

«Non è certo una novità che gli uomini molestino le donne - racconta ancora la Milo - accade nel cinema come in ogni altro ambiente di lavoro. Ma una donna può sempre dire di no. Se non lo fa spesso è perché le fa piacere, c’è un po’ di vanità». Oggi fioccano le denunce, soprattutto in America. Secondo la Milo il motivo è legato al «riscatto di un dolore, c’è una rivendicazione per un passato dolente» e le donne «dovevano farlo da secoli».

«Con me ci provavano tutti»

L’attrice, che scherzando dice che il suo fondoschiena è stato «toccato da migliaia di uomini», ricorda che ai suoi tempi era molto peggio di oggi: «Ci provavano sempre e ci provavano tutti. Qualche volte ci stavi e qualche volta dicevi di no: funzionava così». Sul fatto di essere apprezzata per le sue forme, l’attrice spiega che il sentimento è duplice e contrastante: «Da una parte ti senti offesa perché sei apprezzata per qualità di cui non hai merito. Al contempo però - aggiunge - ti senti anche un pochino lusingata». Poi lancia una frecciata contro «chi dice di essere stata molestata da un produttore e poi ci fa tre film: dovevi denunciarlo subito e non guardarlo più in faccia, non continuare a lavorare con lui», aggiunge.
    

P.P.S.:
Stamani, mentre mi radevo, ho scavato nei cassetti della memoria e da lontano, molto lontano, anno 1966, è ritornato sul "video" un episodio che riguarda una molestia sessuale (non l'unica!) da me subìta in - relativamente - giovane età.
Veniamo ai fatti.
Quasi estate, festa pomeridiana tra matricole, io giovane aitante - la  bellezza dell'asino! -, vestito con indosso una camicia a mezze maniche con il primo bottone sbottonato, mi ritrovavo tra le braccia, per un ballo lento, una giovanetta  - Orietta - la quale, scrutando il mio collo/petto con certa attenzione ed interesse, ebbe ad esclamare:"Luigi, Luigi, con questo petto villoso, se non ti copri non rispondo più di me!" . Non feci scenate, non gridai denunciando la molestia, incassai il complimento ritenendo che la pulzella fosse una buongustaia e ne apprezzai il "grido di dolore".            




permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 3/11/2017 alle 9:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


30 ottobre 2017

Eccellente

1° classificato





                         Premetto, a scanso di equivoci, che "amo" la Natura e tutti gli animali, cani in primis; con qualche riserva per i gatti lasciati liberi a scorrazzare in ogni dove.

                             Figlio di - anche - allevatore di cani, seguace di Senofonte nell'arte nobile della caccia, Giudice Cinofilo, nazionale ed internazionale  nonché pubblicista (Diana e riviste specializzate), nonché autore di libri che sono di pilastri, per contenuti tecnici, nella Cinofilia.

                             Ho condotto i nostri cani, Setters Inglesi, a vittorie consistenti in Mostre Canine - Palermo, Cosenza, ecc... - ed ho anche rivestito il ruolo di Segretario di Ring, per la redazione dei relativi verbali, a Giudici di gara di bellezza  in vari contesti nazionali, anche di Mostre internazionali,.

                              Dichiaro che non ho preclusioni verso i cani meticci e quelli venuti un po' meno bene secondo i canoni di bellezza/funzionalità della razza di appartenenza e così sgombero il campo da ogni e qualsiasi illazione malevola.

                             Però, però quando Gaia, la padroncina di casa di mio figlio ed anche della nostra, rientra con la coppa vinta quale "Eccellente" - ed eccezionale; n.d.r. - ed il primo posto di Categoria ad una Mostra tenutasi domenica 29 ottobre (ieri), mi commuovo gonfio il petto, pazzo di orgoglio perché solo i Campioni albergano da  queste parti. 








permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 30/10/2017 alle 5:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


18 ottobre 2017

Banca Nazionale del Lavoro

"Ei fu"



          Sulla Rivista trimestrale "Fuori Orario", curata dal C.C.R.S. (Circolo

Culturale Sportivo e  Ricreativo) B.N.L. di Roma, n. 11 del luglio/settembre

2017, viene riportato - a firma del titolare di questo Blog -

uno scritto che richiama alla memoria anni trascorsi tra le mura

dell'Istituto bancario romano, prima citato con sigla.


             La Banca de qua, al pari di altre realtà similari italiane,

 prestava molta attenzione  ed attenzioni favorevoli ai dipendenti;

 anche dopo la stagione che ha visto entrare in vigore lo Statuto dei

 Lavoratori, con la nascita dei Circoli Aziendali; dopolavori di lontana

 memoria storica.


                 Allora "Berta filava"; oggi qualcosa è cambiato!





Alle radici dei Circoli e del welfare aziendale B.N.L.

L’attenzione che B.N.L. ha verso le esigenze delle proprie risorse umane, e che i giovani considerano tra le più appetibili cui rivolgersi nella fase di ricerca di un’occupazione, ha radici lontane. Proviamo a recuperarle grazie ad un racconto per flash back, dall’epoca delle Provvidenze al periodo d’oro delle iniziative legate al dopolavoro, firmato da uno dei diretti protagonisti.

di Luigi Misuraca 

La nostra Banca è nata a ridosso del “ventennio”, periodo storico ed economico in cui c'era molta attenzione verso le esigenze del personale di ogni ordine e grado che peraltro non era ancora tutelato in molti dei diritti che saranno acquisiti negli anni successivi, anche grazie allo Statuto dei Lavoratori, e in particolare al termine dell’autunno caldo del 1969, una stagione contrattuale di svolta.

La Banca Nazionale del Lavoro era molto sensibile alla prassi delle Provvidenze, che andava assai di moda all'epoca. E organizzava, tramite un apposito ufficio collocato nell’ambito del Servizio del Personale della Direzione Generale - denominato Ufficio Assistenza - tutte le “provvidenze” che venivano deliberate a favore dei bancari di appartenenza dell’Istituto, allora Ente di diritto pubblico e non società privata.

Befana, colonie, soggiorni montani estivi per i figli dei dipendenti, indipendentemente dal luogo di lavoro del personale; acquisto dolciumi natalizi, anticipazioni, mutui agevolati, sussidi ai più bisognosi anche in particolari circostanze di famiglia, bar aziendali, sia per i dipendenti operanti sulla“piazza” di Roma che nelle filiali presenti in tutta la struttura aziendale nazionale.

In occasione della Befana, un funzionario digrado elevato della Direzione Generale si recava alla Fiera di Milano e sceglieva premi che venivano consegnati ai figli dei dipendenti per classi di età e per genere, tenendo conto delle assegnazioni degli anni precedenti e cercando di non ripetere omaggi similari, anche tra fratelli. Un notevole attestato di attenzione.

I contatti con le ditte fornitrici, l’arrivo dei giocattoli, il confezionamento degli stessi in un pacco dono contenente anche caramelle per i più piccoli e cioccolatini per i più grandicelli fino ai 12 anni di età richiedevano un lavoro preparatorio immane, con la spunta attenta di tabulati su tabulati...Ma ne valeva la pena, e non solo per il sorriso dei bimbi.

Lo stesso ufficio curava le Anticipazioni,ossia prestiti al personale, deliberati su richiesta dei singoli,valutando le condizioni di famiglia oltre che il merito di credito,con erogazione della somma in unica soluzione e rientro in massimo 5 anni, a tassi di favore. I Mutui al personale erano invece erogati con agevolazioni sulle condizioni applicate dalla Sezione Autonoma di Credito Fondiario alla clientela ordinaria.

Arrivarono poi i Prestiti al personale garantiti da ipoteca: ulteriori agevolazioni ai dipendenti purché non proprietari di altro alloggio nel luogo di residenza. Non erano mutui, ma qualcosa di simile, prelevati dopo il vaglio delle richieste inoltrate alla Direzione, da un plafond annuo, deliberato ad hoc dal Consiglio d'amministrazione della Banca, così come del resto tutte le restanti Provvidenze.

Già allora presso la Direzione Generale era allocata un’infermeria interna, con infermieri e medici che si alternavano per le esigenze, spicciole, immediate dei lavoratori, che vi accedevano per comodità logistica: ricette, iniezioni, terapie di aerosol, primo pronto soccorso. A Natale il personale in servizio e in quiescenza, veniva omaggiato di una strenna: un panettone, graditissimo, recapitato direttamente a casa.

Anche gite invernali e settimane bianche erano organizzate dall’Ufficio Assistenza, a costi convenienti in strutture alberghiere di primo livello cui la Banca poteva accedere grazie alla propria capillare presenza operativa sul territorio nazionale traendone vantaggi che sceglieva di riorientare verso le famiglie dei propri dipendenti.

Poi arrivò lo Statuto dei Lavoratori che,all'articolo 11, previde lo spostamento sui CRAL di tali iniziative e di talune specificità di provvidenze a favore del personale. Il che valeva sia per Roma che per le altre Filiali. Il 1970 fu l'ultimo anno di organizzazione delle colonie per bambini e bambine sotto i 12 anni e dei soggiorni montani estivi per ragazzi fino ai 14 anni.

In quegli anni BNL partecipava ad eventi dell'ABECOR, organismo che collegava nove banche ai massimi livelli di importanza in Europa, tra cui anche Paribas. Il Banco Espanol, tra esse, ospitava nella propria struttura sportiva, degna di una mini Olimpiade, gare cui BNL partecipava con una propria rappresentativa in varie discipline con atleti - dipendenti, figli di dipendenti,pensionati - particolarmente brillanti.

Qualche esempio? Con i colori della BNL entrò in piscina anche il grande, compianto, Pietro Boscaini, campionissimo di nuoto e figlio di un direttore d’agenzia della piazza di Roma.Quando si "allestiva" la squadra, gli atleti venivano dotati di apposita divisa confezionata su misura con tanto di gagliardetto dell'Istituto cucito sulla giacca. Una prassi che fu di buon auspicio per molte vittorie.

La nascita di vari Circoli nelle Filiali italiane non ridusse la presenza della Banca in manifestazioni a caratura europea, spesso organizzate direttamente. Ancora un esempio?Il quadrangolare di calcio svolto allo Stadio Flaminio con vittoria della compagine ospite: appunto quella di BNL. E poi tanti Trofei, le cui coppe fanno bella mostra di sé in una sala della Direzione a via degli Aldobrandeschi.

Quantità e qualità di quell’impegno trovarono ampio riscontro – e fu una bella pubblicità per BNL –nel risalto che la stampa dedicò a quelle iniziative sportive. I tornei tra i CRAL, peraltro, riguardavano anche sfide a tavolino: nel bridge, negli scacchi. Assai “sentito” era lo Sky Meeting, campionato interbancario di sci, organizzato a turno dalle squadre che vi prendevano parte, in prestigiose località sciistiche alpine.

Con gli Anni Settanta lo scenario delle Provvidenze si trasforma. Ne parla anche un serio lavoro di ricerca compiuto alcuni anni fa da Francesco Scoglio. La Banca gestiva direttamente le Borse di Studio  a favore dei figli dei dipendenti.Istituì un premio per i 25 anni di servizio - regalia di 2,5 mensilità nel mese del traguardo e orologio d'oro di marca prestigiosa – e uno per chi era ancora in attività dopo 35 anni.

Dopo 30 anni di servizio - se si lasciava il lavoro per cause che escludevano il licenziamento o le dimissioni – arrivavano una pergamena, compilata ad hoc, ed una medaglia d’oro,con l'effigie del Palazzo della Direzione a via Veneto, di 140 grammi. Chi tagliava il traguardo dei 40 anni di servizio ed oltre, riceveva oltre alla pergamena, un tappeto persiano o l'Enciclopedia Treccani, o premi equipollenti.

Tutti i premiati erano convocati a Roma per ricevere orologio o medaglia a una cerimonia – la "Festa degli Anziani" - preceduta da una serata al Teatro dell'Opera o al Sistina e da una cena in prestigiosi ristoranti romani. La premiazione del 14 marzo 1982 (in foto) si tenne al Centro Sportivo di Riano, curata come le altre dal Servizio Immobiliare sotto la supervisione del Servizio del Personale.

Quando a metà Anni Settanta, il Contratto Nazionale stabilì il tempo continuato, con uscita alle 17 salvo la pausa pranzo, presso la Direzione furono istituiti i Punti di Ristoro: locali-bar interni e macchinette automatiche, rifornite da gestori di qualità dove i dipendenti potevano rifocillarsi, senza uscire e girovagare per bar, tavole calde e trattorie.

Nel 1978 vide la luce il Centro Sportivo di Marco Polo gestito dalla Direzione Generale, diretto da Raffaello Zomparelli, con personale inquadrato con contratto diverso da quello bancario, ad uso di colleghi e pensionati, anche se non Soci del CRAL, il sodalizio di colleghi nato nel 1972 che curava iniziative in quegli impianti della Banca, chiedendone la disponibilità.

Il 2 agosto 1980 a Raffaello Zomparelli andò la responsabilità di Riano, il Centro Sportivo appena aperto di 11 ettari attrezzati e 33 di verde. La cura di Marco Polo passò a Marcella Mastroianni. Poi BNL a Riano sostituì Zomparelli con Rodolfo Di Dio Rosso, già direttore sportivo del CRAL. Ambedue furono coadiuvati da chi scrive che subentrò loro in quel ruolo prima della cessione del complesso al CONI.

A Riano c’erano un campo di calcio regolamentare in erba con pista per l'atletica in terra battuta e relative tribune; palestra; campo di basket all'aperto; un altro campo di calcio di dimensioni più ridotte; due piscine di cui una olimpionica con sfioro alla finlandese, poi coperta con struttura pressostatica per la stagione invernale; campi di tennis; pista di pattinaggio; campi di bocce.

C’era anche una Club House allestita anche per serate musicali, con pianoforte; un locale mensa e bar; un locale infermeria con addette in turni; una centrale termica, una centrale elettrica con generatore di corrente autonomo - motore a scoppio - che entrava in funzione quando e se necessario per interruzione direte dall'esterno.

Il Centro aveva tre pozzi per l'approvvigionamento idrico oltre l'acqua potabile; centrale di depurazione delle piscine; depuratore privato per la trattazione delle acque, chiare e nere; cinque cisterne interrate per lo stoccaggio del carburante; dava lavoro a impiegati, infermiere,custodi, elettricisti, idraulico e muratore, giardinieri, operai perla cura dei campi, e delle piscine, addetti alle pulizie, alla mensa e al bar.

L'attività, sportiva e non solo, era senza soste, sia per la dinamicità del CRAL, attraverso le sue Sezioni con il Calcio in primis per frequenza di Tornei interni tra colleghi ed anche di categoria, con le compagini di Pulcini ed Esordienti, sia per iniziative curate e seguite direttamente dalla Banca per valorizzare il suo "fiore all'occhiello", che aveva offuscato il Centro della Banca di Roma sulla via Salaria.

Molte erano le serate musicali, ma non si dimentichi il film "Paulo Roberto Cotechiño centravanti di sfondamento" che là trovò location ottimale per ambientare gran parte della pellicola, girata nel 1983, sul terreno destinato al gioco del calcio del complesso, compresi, gli spalti in tribuna, la Club House, interno ed esterno, per gentile concessione della Banca

A Riano si svolsero manifestazioni, anche di caratura nazionale, sotto l'egida della Banca o del CRAL, che ne era ospite privilegiato. Furono ospitate le Nazionali di Nuoto,Pallanuoto, Nuoto Sincronizzato, Trofeo di Calcio Cagli, Nazionale Giovanile di Calcio, la squadra di Calcio della Lazio. Si chiuse con il Campionato Europeo di Basket ABECOR.

Il Centro di Riano fu veicolo pubblicitario di spessore per BNL. Ospitò eventi a getto continuo come La Notte delle Stelle, presenti i vertici dell'Istituto e Dino Viola, Presidente della A.S. Roma Calcio, nella sua veste ufficiale. Il 7 ottobre 1981 vi fu premiato dal Roma Club Trevi, operante all'interno di BNL, Carlo Ancelotti, quale miglior calciatore dell'anno.

Mutavano i tempi,  cambiavano le necessità e le determinazioni dell'Azienda. Il Complesso di Riano i cui confini naturali erano l'Autostrada che costeggia la via Tiberina prima del casello di Fiano Romano ed il Tevere, era stato inaugurato il 16 novembre 1980, con medaglia commemorativa a ricordo, durante una serata che vide la partecipazione dei massimi dirigenti BNL. Ora fa parte della nostra storia.



 

 

 

"








permalink | inviato da eugualemcalquadrato il 18/10/2017 alle 4:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 726355 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

ale
esperia
fiore
fiordistella
fulmini
garbo
grandmere
il bokkaglio
paoletta
piccoleonde
scalpo
valigetta
Beppe Grillo
Quicalabria


La sua famosa equazione dimostra come L’energia E e la massa m di un corpo non siano indipendenti. Possiamo calcolare l’una a partire dall’altra moltiplicando o dividendo per un fattore c², dove c è la velocità della luce nel vuoto. In altre parole la massa e la luce sono convertibili tra di loro, come gli euro con i dollari, ma al contrario delle monete il tasso di cambio tra energia e massa è fisso.

CERCA